foglia
Comunicazioni

L'Università di Padova sottoscrive un protocollo per gli acquisti verdi

30.09.2019

Venerdì 27 settembre, presso la fiera di Padova, è stato sottoscritto un Protocollo d'intesa per la promozione degli acquisti verditra il Comune di Padova, rappresentato dall'assessore all'Ambiente Chiara Gallani, l'Università di Padova, nella persona di Rosario Rizzuto in qualità di rettore, la CCIAA di Padova, nella persona di Franco Pasqualetti in qualità di vicepresidente e il Coordinamento agende 21 locali italiane, rappresentato dal presidente dell'associazione Arturo Lorenzoni.

Il Comune, nel 2005, ha attivato il progetto Padova acquista verde, per incentivare il coinvolgimento degli uffici comunali nell'applicazione di acquisti verdi nei bandi di gara e per sensibilizzare il territorio e informare la cittadinanza. L'Università di Padova è parte della Rus-Rete (Rete universitaria per lo sviluppo sostenibile) e aderisce a quanto previsto dall'agenda Onu 2030 per lo sviluppo sostenibile. La carta degli impegni di sostenibilità 2018-2022 ha permesso di portare avanti le connessioni con le istituzioni del territorio e i contatti tra neolaureati e mondo del lavoro.

La CCIAA fornisce servizi di informazione e formazione su tematiche ambientali. Promuove inoltre la realizzazione di percorsi di sostenibilità e qualità ambientale per Pmi, reti, distretti e filiere, incentivando la competitività, l’innovazione e l'internazionalizzazione nel contesto della sostenibilità. L'associazione Coordinamento agende 21 locali italiane, nata nel 2000 per attuare il programma sviluppato dalla prima Conferenza mondiale per lo sviluppo sostenibile per il XXI secolo e dalla Campagna europea delle città sostenibili del 1994, ha elaborato una strategia con progetti specifici a livello internazionale, nazionale e locale. Dal 2007 promuove il forum nazionale Compraverde Buygreen e nel 2018 ha firmato a Padova un protocollo, con gli enti Fondazione ecosistemi e Adescoop per la diffusione degli acquisti verdi pubblici a livello nazionale.

Gli enti firmatari dell'accordo, valido per cinque anni, si impegnano in una collaborazione per una migliore attuazione del Gpp (Green public procurement) all’interno degli enti e nel territorio padovano. Per il raggiungimento dei loro obiettivi condivideranno esperienze, informazioni, aggiornamenti e opportunità formative. Parteciperanno a gruppi di lavoro su temi specifici, individuando le modalità operative per l'applicazione del Gpp. Stabiliranno le metodologie per il monitoraggio degli acquisti verdi. Realizzeranno comunicazioni congiunte e promuoveranno la loro partecipazione a progetti regionali, nazionali o europei dedicati al tema.

Si impegnano, inoltre, nella promozione di progetti e azioni di sensibilizzazione del territorio padovano rivolte a diversi soggetti. Collaboreranno all'organizzazione di eventi, iniziative e attività di educazione in materia di acquisti verdi e sostenibilità. Infine, collaboreranno con la Regione Veneto e l'associazione Coordinamento agende 21 locali italiane nella definizione dei criteri ambientali minimida parte del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare.


Il rettore Unipd Rosario Rizzuto con la prorettrice all'edilizia e sicurezza dell'Ateneo Francesca da Porto