Top Industrial Managers for Europe

Il progetto permette a studenti di Ingegneria di frequentare un corso di secondo ciclo (laurea magistrale) di eccellenza presso una delle università estere consorziate.

Si tratta di corsi integrati che prevedono un percorso formativo di almeno cinque semestri (di cui almeno tre presso l'università straniera di destinazione e almeno uno a Padova) e il conseguimento di 60 crediti aggiuntivi rispetto al numero normalmente previsto per il conseguimento della laurea magistrale: allo studente è quindi richiesto un prolungamento della durata complessiva degli studi pari ad almeno un semestre.

Allo studente che avrà terminato con successo il percorso di studio sarà rilasciato un doppio diploma da parte dell’Università degli Studi di Padova e dell’Ateneo straniero dove è stata realizzata l'attività formativa, e sarà annoverato tra i laureati TIME.

TIME Association

 

  Come funziona

In generale, il laureato TIME dovrà acquisire nell'ambito del suo percorso formativo di secondo ciclo (Laurea Magistrale) 180 Crediti complessivi, di cui almeno 60 crediti ECTS (=CFU) presso l’Università di Padova e almeno 90 crediti ECTS (=CFU) presso l’istituzione ospitante. L’esatto numero di crediti da acquisire in ciascuna delle istituzioni è determinato dai singoli accordi bilaterali stipulati con la sede partner all’interno dell’intervallo indicato.

Il percorso formativo si può articolare in modi diversi, a seconda del livello dello studente coinvolto, della sede di destinazione prescelta e delle indicazioni dei bandi TIME.

La prima opzione riguarda gli studenti in possesso della laurea di primo livello o prossimi al conseguimento della stessa, che, qualora selezionati, saranno chiamati a frequentare presso una delle istituzioni partner il biennio corrispondente al corso di Laurea Magistrale (circa 120 ECTS). Al rientro a Padova, dovranno integrare il curriculum svolto all'estero secondo quanto riconosciuto dal proprio Consiglio di corso di studi, allungando il percorso formativo universitario al massimo di un anno (=60 ECTS). Al termine del percorso otterranno due titoli, la Laurea Magistrale italiana e il corrispondente titolo estero.

La seconda opzione riguarda gli studenti già iscritti al primo anno di un corso di laurea magistrale: questi ultimi saranno chiamati a frequentare un ulteriore biennio presso una delle istituzioni partner completando così il percorso formativo di livello magistrale.
Al rientro a Padova non resterà che conseguire il titolo di secondo livello e il corrispondente titolo estero, avendo maturato complessivamente 180 ECTS.

L'unica eccezione a questo schema è rappresentata dalle Grandes Ecoles francesi, alle quali si può accedere dopo due anni di triennale a Padova: le Ecoles sono articolate in tre anni di studio, dei quali i primi due sono di tipo molto generalistico, improntati sullo studio di materie fondamentali quali la fisica e la matematica (prendono il nome di common core), e un terzo anno di tipo magistrale/settoriale (che prende il nome di spécialisation).
Gli studenti che vogliano partecipare al progetto presso una delle Ecoles partner, potranno partire dopo aver completato tutti gli esami del secondo anno del corso di laurea triennale, e saranno chiamati a frequentare presso la sede estera i due anni corrispondenti al Common Core.
Gli esami sostenuti in Francia saranno riconosciuti principalmente ai fini della laurea triennale, e, in alcuni casi, ai fini del corso magistrale: al loro rientro a Padova, i partecipanti - previo conseguimento del titolo triennale - dovranno frequentare il biennio del corso di laurea magistrale prescelto (o una parte di esso), ottenendo al termine del percorso il titolo di secondo livello e il corrispondente titolo estero e avendo maturato complessivamente 360 ECTS tra primo e secondo ciclo.
A partire dall’a.a. 2013/2014, in via sperimentale, potrà accedere anche un numero limitato di studenti che al momento della domanda siano iscritti al primo anno di un corso di laurea magistrale. In questo caso, i partecipanti frequenteranno presso la sede estera un anno di common core e un anno di spécialisation.

Il prolungamento degli studi di almeno un semestre e il conseguimento di 60 ECTS aggiuntivi rispetto al numero normalmente previsto per la laurea magistrale, rappresentano un importante valore aggiunto alla formazione dell'Ingegnere e consentono di conseguire due titoli affini ma diversi; il biennio Magistrale seguito all'estero infatti non deve necessariamente corrispondere al corso di Laurea Magistrale cui lo studente è iscritto a Padova, ma può essere di area affine: uno studente iscritto (o in procinto di iscriversi) ad un corso di laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica ad esempio, può frequentare all'estero il biennio in Ingegneria Gestionale, e al termine del suo percorso formativo otterrà così due titoli complementari, la Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica, e il titolo estero in Ingegneria Gestionale.

  Come scegliere la sede di destinazione

Nella scelta della sede di destinazione, è essenziale tener conto dell'offerta didattica della sede estera, che è abbastanza vincolante.

Non tutte le istituzioni offrono corsi di secondo ciclo in tutte le aree dell'ingegneria: è necessario orientarsi su sedi che offrano corsi di studio complementari al proprio percorso di studi.

Bandi e descrizione delle sedi (Technical University of Denmark - DTU, Grandes Écoles, Escola Tècnica Superior d'Enginyeria Industrial de Barcelona (ETSEIB) - UPC, Instituto Superior Técnico - IST).

  Come predisporre il piano di studi

Il piano di studi da svolgere nel corso del biennio all'estero dovrà essere predisposto generalmente prima della partenza e approvato dal Consiglio di Corso di Studi (CCS) di appartenenza dello studente partecipante al progetto.
Il piano di studi proposto sarà valutato dalla commissione TIME integrata dal referente del CCS di appartenenza dello studente nel rispetto dei requisiti richiesti per il conseguimento del doppio titolo TIME. Eventuali modifiche successive saranno comunque valutate dalla medesima commissione e dal referente.

Ai fini del conseguimento del doppio titolo, lo studente partecipante dovrà seguire i corsi previsti dal curriculum estero: eventuali variazioni dello stesso, dovranno essere sempre concordate dalle autorità accademiche competenti.
La carriera dello studente dovrà essere costantemente aggiornata. A tal fine lo studente partecipante dovrà provvedere di volta in volta alla registrazione degli esami sostenuti all'estero.

  Finanziamento

Per il primo anno di studi presso la sede straniera, ove possibile e se non già usufruito in precedenza, ai partecipanti al progetto T.I.M.E. verrà riconosciuto lo status di studenti Erasmus e quindi percepiranno la relativa borsa di mobilità (230 €/mese circa) e tutte le integrazioni previste dalla normativa regionale ed universitaria, per il numero di mesi effettivamente trascorsi presso l’università ospitante, fino ad un massimo di 10 mensilità per anno.
Gli studenti vincitori sono pertanto tenuti al rispetto di tutti i regolamenti previsti dal bando Erasmus-Studio, in particolare per quanto concerne la redazione di un Learning Agreement prima della partenza.
Gli studenti privi di status Erasmus riceveranno un contributo il cui valore sarà definito di anno in anno, compatibilmente con i fondi disponibili.
Ulteriori informazioni sul programma LLP Erasmus.

Per il secondo anno di studi presso l’università ospitante, compatibilmente con i fondi resi disponibili da Enti esterni all’Università di Padova, la borsa potrà essere pari ad un massimo di € 550,00 mensili, per il numero di mesi effettivamente trascorsi all’estero e fino ad un massimo di 10 mensilità.
L’effettiva erogazione della borsa potrà avvenire soltanto a seguito della messa a disposizione del finanziamento da parte di Enti esterni.

  La commissione TIME

La commissione TIME, nominata dal rettore e per la gestione del progetto, è responsabile della selezione dei candidati e delle procedure di valutazione ed approvazione dei piani di studio degli studenti partecipanti, di volta in volta concordati con i singoli consigli di corso di studi.

Presidente: Pierfrancesco Brunello
Referente per l'area civile: Paolo Salandin
Referenti per l'area industriale: Enrico Scarso, Daniele Pavarin
Referente per l'area dell'informazione: Maria Elena Valcher
Referente presso il Servizio Relazioni internazionali: Luisa Bortolini

  Referenti di CCS per la Mobilità Studentesca nell'ambito del progetto TIME

  • Ingegneria Aerospaziale: Prof. Daniele Pavarin
  • Ingegneria Ambientale: Prof. Paolo Salandin
  • Ingegneria dell'Automazione: Prof. Mauro Bisiacco
  • Ingegneria Biomedica e Bioingegneria: Prof. Alfredo Ruggeri
  • Ingegneria Chimica: Prof. Fabrizio Bezzo
  • Ingegneria Civile: Dott.ssa Valentina Salomoni
  • Ingegneria Edile: Dott. Carlo Pellegrino
  • Ingegneria Elettrica: Prof. Nicola Bianchi
  • Ingegneria Elettronica: Prof. Andrea Gerosa
  • Ingegneria Energetica: Prof. Giorgio Pavesi
  • Ingegneria Gestionale: Prof. Enrico Scarso
  • Ingegneria Informatica: Prof. Maristella Agosti
  • Ingegneria dell'Informazione: Prof. Carlo Ferrari
  • Ingegneria dei Materiali: Prof. Massimo Guglielmi
  • Ingegneria Meccanica: Prof. Enrico Savio
  • Ingegneria Meccanica e Meccatronica: Dott. Franco Bonollo
  • Ingegneria dell'Innovazione del Prodotto: Dott. Fabio Sgarbossa
  • Ingegneria Meccatronica: Prof. Roberto Oboe
  • Ingegneria delle Telecomunicazioni: Dott. Michele Rossi

Programma T.I.M.E.

Referente: Luisa Bortolini

Servizio Relazioni internazionali

Palazzo Bo,
via 8 Febbraio 2, 35122 Padova,
tel. 049.8273062,
fax 049.8273060,
luisa.bortolini@unipd.it,
Orario: lunedì 10-13, mercoledì 10-13