Corso di laurea magistrale in

Psicologia clinico-dinamica

Classe: LM-51 - Psicologia

2023 Psychology3
Classe LM-51 - Psicologia
Durata 2 anni
Sede Padova
Lingua Italiano
Contributi e borse
Presidente del corso ARIANNA PALMIERI
Accesso Programmato (171)
Strutture di riferimento Dipartimento di filosofia, sociologia, pedagogia e psicologia applicata (fisppa), Scuola di psicologia

Un corso che riflette la complessità del lavoro clinico e dei suoi contesti e che permette di orientarsi in tre prospettive: psicodinamica, costruttivista/interazionista e psicoanalitica. La formazione, basata sullo scambio docente-studente e su esercitazioni d'aula, spazia tra questi ambiti: metodologia della ricerca; modelli teorici di comprensione della persona e del suo funzionamento cognitivo, affettivo, sociale e relazionale; strumenti per la valutazione psicodiagnostica, valutazione delle relazioni interpersonali, valutazione della sofferenza psichica. Potrai lavorare nella psicologia clinica, in strutture del SSN, come servizi di neuropsichiatria infantile, consultori familiari, SerD e servizi nei quali si attiva una relazione terapeutica e di sostegno individuale o potrai svolgere la libera professione come psicoterapeuta e consulente per servizi e amministrazioni locali.

  Approfondimento

Caratteristiche e finalità
Il corso di laurea magistrale in Psicologia clinico-dinamica abilita all'esercizio della professione di psicologo, ai sensi della legge 8 novembre 2021, n. 163 e successivi decreti attuativi.
Il Corso di studi propone un solido e articolato percorso formativo volto a fornire alla studentessa e allo studente gli strumenti teorici e metodologici che le/li rendano pronte/i ad affrontare efficacemente la complessità della professione psicologica sanitaria in contesti elettivamente -ma non esclusivamente- clinici (anche, ad esempio, interculturali, di devianza sociale, o nella direzione della ricerca scientifica), acquisendo capacità di declinare le proprie competenze nell'incontro con la persona e la famiglia, nei gruppi e nelle istituzioni.
La formazione del corpo docente, solida e orientata, assicura la peculiarità del corso in Psicologia clinico-dinamica, il quale si propone di formare competenze teoriche e tecniche specifiche, promuovendo la costruzione di un profilo professionale clinico basato su tre principali prospettive: psicodinamica, costruttivista/interazionista e psicoanalitica. Il corso offre una vasta gamma di approfondimenti, compresi i principi e gli strumenti della ricerca scientifica applicata a tali approcci clinici, oltre a fornire elementi di integrazione e arricchimento attraverso ulteriori approcci teorici e vertici di osservazione, come quello neuroscientifico. Il contesto formativo unisce dunque aspetti tradizionali della formazione psicologica clinica a contenuti sempre aggiornati, in cui la prospettiva di modelli teorici e di intervento scientificamente fondati ('evidence-based').
Nel dettaglio, gli insegnamenti del corso di studio in Psicologia clinico-dinamica si articolano principalmente nell' approfondimento progressivo delle seguenti aree: modelli clinici teorici per la comprensione del funzionamento della persona sul piano cognitivo, affettivo e relazionale (es.familiare) e dalla sua traiettoria evolutiva; metodologia della ricerca; promozione della salute/benessere e la prevenzione del disagio; principi, strumenti e tecniche di valutazione/assessment psicologico; diagnosi psicologica nella proteiformità dei suoi molteplici aspetti (es.: stile di pesonalità, disturbi clinici); progettazione e attuazione dell'intervento clinico (es.: di supporto, o riabilitativo); valutazione del processo di cambiamento, degli interventi clinici e dell'esito del trattamento.
Durante le lezioni viene promossa un'attiva interazione tra studenti e docenti, consolidando l'apprendimento attraverso esercitazioni d'aula diversificate, anche su casi clinici, e la partecipazione a attività di confronto. Gli studenti hanno l'opportunità di sviluppare competenze cliniche e di ricerca attraverso l'offerta di seminari e attività extra-curriculari, la partecipazione ad attività di laboratorio e presso centri di ricerca interni al Dipartimento di afferenza del corso di studi, e lo svolgimento del tirocini pratico-valutativi presso strutture pubbliche e private convenzionate con l'Ateneo (ad esempio, ULSS, ospedali, comunità), garantendo così basi solide per affrontare efficacemente le complessità della professione futura.

Ambiti occupazionali
Oltre alla preparazione teorica e metodologica che prepara le/i neo-laureati/e ad un eventuale ulteriore formazione specialistica di secondo livello, possibili ambiti occupazionali sono individuabili nell'ampio panorama libero-professionale (clinico, forense, riabilitativo), anche in regime di consulenza presso qualsiasi ente del Sistema Sanitario Nazionale (es. neuropsichiatria infantile), nei SerD e in tutti quei servizi nei quali e' possibile attivare una relazione terapeutica e di sostegno individuale o gruppale; nelle strutture che prevedono progetti in ambito preventivo; nei servizi psicosociali, socio-sanitari, consultori familiari, presso enti e associazioni pubblici, privato-sociali o privati con funzioni di assistenza e promozione sociale. Altri possibili ambiti sono quelli della ricerca scientifica nell'ambito della psicologia clinica presso enti pubblici (es. Dottorato di ricerca universitaria) o privati, sia nel panorama nazionale che internazionale.

News