Corso di laurea magistrale in

Scienze e tecnologie animali

Classe: LM-86 - Scienze zootecniche e tecnologie animali

Classe LM-86 - Scienze zootecniche e tecnologie animali
Durata 2 anni
Sede Legnaro
Lingua Italiano
Avviso di ammissione Download
Contributi e borse
Presidente del corso GEROLAMO XICCATO
Accesso Accesso libero con requisiti

Un percorso che si sviluppa in tre aree tematiche (efficienza dei processi produttivi e qualità dei prodotti; protezione del benessere animale, della biodiversità e dell'ambiente; strumenti professionali) e che fornisce conoscenze avanzate per svolgere attività di progettazione e coordinamento in scenari in rapida evoluzione come quelli del settore agro-zootecnico. Studierai discipline quali analisi dell’evoluzione delle filiere in relazione ai fabbisogni della società, igiene degli alimenti, miglioramento del benessere degli animali in allevamento, sviluppo di sistemi zootecnici sostenibili, valutazione economica degli allevamenti, progettazione di impianti zootecnici, che ti permetteranno di operare in aziende private, enti pubblici e organizzazioni di categoria nell’ambito della tutela e la valorizzazione delle produzioni alimentari e la salvaguardia del benessere animale.

  Approfondimento

Caratteristiche e finalità
Il Corso fornisce conoscenze avanzate riferibili al settore agro-zootecnico e forma capacità professionali adeguate allo svolgimento di attività complesse di indirizzo, progettazione e coordinamento in scenari economici, sociali, ambientali ed etici in rapida evoluzione. Fornisce, inoltre, gli elementi formativi e conoscitivi che consentono a laureate e laureati di inserirsi e integrarsi nel mercato del lavoro e di operare con autonomia, competenza e capacità critica nel valutare, progettare e gestire azioni volte a:
1) migliorare l'impiego delle risorse aziendali e di mercato nelle pratiche di allevamento al fine di aumentare l'efficienza tecnico-economica;
2) armonizzare le pratiche agro-zootecniche con le esigenze di protezione e miglioramento del benessere animale, di tutela della biodiversità animale, considerando gli impatti ambientali ed economici, e la sostenibilità a livello aziendale e territoriale;
3) valorizzare e innovare le produzioni animali (qualità di prodotto, di processo e tracciabilità) nelle varie filiere agroalimentari.
Il percorso formativo si sviluppa in tre aree tematiche:
a) efficienza dei processi produttivi e qualità dei prodotti, con insegnamenti che trattano dell'analisi dell'evoluzione delle filiere agro-zootecniche in rapporto ai bisogni della società, la qualità di prodotto e di processo del latte, della carne e dei prodotti ittici, l'igiene e la sanità degli alimenti di origine animale;
b) protezione del benessere animale, della biodiversità e dell'ambiente, con insegnamenti relativi al miglioramento del benessere degli animali in allevamento e allo sviluppo di sistemi zootecnici sostenibili, alla gestione della biodiversità e della sicurezza alimentare, al miglioramento delle tecniche alimentari ai fini della riduzione dell'impatto ambientale degli allevamenti;
c) strumenti professionali, con insegnamenti che trattano la valutazione economica dei fondi rustici e degli allevamenti, la progettazione di impianti zootecnici e sistemi di gestione e valorizzazione dei reflui, gli strumenti statistici e informatici applicati alla filiera agro-zootecnica, il rafforzamento della conoscenza della lingua inglese e della cultura professionale.

Ambiti occupazionali
L'attività di chi consegue il titolo di laurea magistrale in Scienze e tecnologie animali si svolge presso:
- aziende che si occupano di selezione e miglioramento genetico animale, acquisizione e lavorazione di materie prime, mangimi e integratori zootecnici, riproduzione e allevamento di animali da reddito, progettazione e costruzione di impianti zootecnici e sistemi di raccolta e smaltimento dei reflui zootecnici, produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti di origine animale,
- organizzazioni e associazioni di allevatori, industrie delle filiere zootecniche e di produzione e trasformazione dei prodotti animali, associazioni dei consumatori;
- organizzazioni di categoria, grande distribuzione organizzata;
- enti pubblici e privati che conducono attività di pianificazione, analisi, controllo, certificazione, analisi statistiche su scala aziendale e territoriale su tematiche inerenti la tutela e la valorizzazione delle produzioni alimentari e la salvaguardia del benessere animale, della biodiversità e dell'ambiente;
- scuole secondarie superiori per l'insegnamento di discipline zootecniche e agronomiche;
- studi per l'esercizio della libera professione di dottore agronomo.

  Elenco insegnamenti

I Anno COSTRUZIONI ZOOTECNICHE E PROGETTAZIONE [ STEFANO GUERCINI ] BIOSTATISTICA APPLICATA [ MAURO PENASA ] INFORMATICA AVANZATA [ GIUSEPPE CONCHERI ] APPLICAZIONI INFORMATICHE PER L’AZIENDA ZOOTECNICA [ CRISTINA SARTORI ] LINGUA INGLESE 2 [ NICOLA DAL FERRO ] ANIMALI, ECONOMIA E SOCIETA' [ GIOVANNI BITTANTE ] SOSTENIBILITA' DEGLI ALLEVAMENTI E SISTEMI BIOLOGICI [ ENRICO STURARO ] QUALITA' DI PRODOTTO E DI PROCESSO: LATTE E DERIVATI [ MASSIMO DE MARCHI ] MEAT SCIENCE AND TECHNOLOGY [ ANTONELLA DALLE ZOTTE ] ACQUACOLTURA E QUALITA' DEI PRODOTTI ITTICI [ GEROLAMO XICCATO ] VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE DEGLI ANIMALI IN ALLEVAMENTO [ MARCO BIROLO ] PRINCIPI DI IGIENE E SANITA' DEGLI ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE [ ENRICO NOVELLI ] PROVA FINALE II Anno AGRONOMIA AMBIENTALE [ FRANCESCO MORARI ] ESTIMO RURALE [ DANIEL VECCHIATO ] LIVESTOCK BIODIVERSITY AND ANIMAL FOOD SAFETY [ MARTINO CASSANDRO ] RAZIONAMENTO, MANGIMISTICA E IMPATTO AMBIENTALE DEGLI ALLEVAMENTI [ STEFANO SCHIAVON ]

News

Selezione per i corsi di laurea con Tolc@casa

Per i corsi di laurea che prevedono l’utilizzo dei test Tolc per l'ammissione

Leggi

Corsi per comprendere le domande dei test d'ingresso

Durante l'estate, incontri in videoconferenza per chi desidera esercitarsi

Leggi

Le date delle prove per i corsi di laurea con il numero programmato nazionale

Quando si terranno i test d'ingresso per l’anno accademico 2020/21? La nota del Miur

Leggi