Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Ricercatori Universitari a t.i.

Indirizzo

VIA F. MARZOLO, 8 - PADOVA

Telefono

0498277024

Il Prof. Michele Merano si è laureato in Fisica con 110 e Lode presso l'Università di Milano nel 1998. Ha quindi preso un PhD in Fisica dall’EPFL di Losanna (Svizzera) nel 2005, lavorando sulle proprietà ottiche dei semiconduttori. Ha fatto il postdoc presso l'école polytechnique a Parigi (Francia) ed il Laboratorio di ottica quantistica e informazione quantistica di Leida (Olanda).
Dal 2011 è al Dipartimento di Fisica e Astrononia "G. Galilei" dell'Università di Padova, dove attualmente è Ricercatore a tempo indeterminato. Ha preso un finanziamento dall’ateneo per l’implementazione di un laboratorio di ottica in seno al LAFSI. Attualmente conduce esperimenti sulla coerenza spaziale in ottica, sulla plasmonica e sulla microfluidica.

I suoi principali risultati scientifici sono :
• L’implementazione di un sistema per la catodoluminescenza risolta in tempo che permette lo studio del trasporto dei portatori di carica nelle nano-strutture a semiconduttore. I risultati scientifici ottenuti con questo originale apparato sperimentale sono stati pubblicati sulla rivista Nature nel 2005. Una spin-off dell’EPFL è stata creata per la commercializzazione di quest’apparato.
• L’osservazione dell’effetto Goos-Hänchen in riflessione metallica. Le previsioni teoriche che sostenevano che tale effetto fosse negativo per luce incidente polarizzata p sono state confermate per la prima volta con un suo esperimento nel 2007.
• L’osservzione di deviazioni angolari nella riflessione della luce. La legge della riflessione di un raggio di luce incidente su uno specchio (angolo di incidenza = angolo di riflessione) fu enunciata per la prima volta da Euclide nel 300 AC ed è ancor oggi una pietra miliare dell’ottica geometrica. Tuttavia a partire dagli anni ’70 si è discusso di come la legge della riflessione non valga necessariamente per i fasci di luce (ad esempio un fascio laser). A leida abbiamo riportato la prima prova sperimentale di quest’effetto. Questi risultati sono stati pubblicati su Nature Photonics e sono stati selezionati da Optics e Photonics News fra i migliori risultati di ottica del 2009.