Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Professori Associati

Indirizzo

VIA M. CESAROTTI, 10/12 - PADOVA

Telefono

0498274346

PhD in Sociologia dei Processi culturali, dal 2018 sono Professore Associato in Sociologia dei processi culturali e comunicativi (SSD: SPS/08). Attualmente insegno Sociologia dei media presso il corso di laurea in Scienze Sociologiche e Nuovi media presso il corso di laurea in Comunicazione dell’Università di Padova.

Opinione degli studenti sull’attività didattica svolta, indicatore di sintesi “Soddisfazione complessiva”, ultimi cinque anni:
- 2018/19: Sociologia dei media (SCS): 7,67; Nuovi media (COM): 8,09
- 2017/18: Sociologia generale (SCS): 8,55; Nuovi media (COM): 8.18
- 2016/17: Sociologia generale (SCS): 9.04; Nuovi media (COM): 8.65
- 2015/16: Sociologia generale (SCS): 8.49; Sociologia dei media (AMS): 8.58
- 2014/15: Sociologia generale (SCS): 8.46; Sociologia dei media (AMS): 8.23

Sono attualmente Presidente del Corso di laurea in Scienze Sociologiche, membro della Commissione Didattica del Dipartimento FISPPA; membro della Commissione Orientamento e tutorato del Dipartimento FISPPA e del Gav in Scienze Sociologiche. Dal 2016, inoltre, sono Referente per il settore della Condizione studentesca nell'ambito del Prorettoraro alle Condizioni di Lavoro e Studio e membro della Commissione per il Diritto allo Studio dell'Università di Padova.

Dal 2007 al 2009 sono stato titolare e responsabile scientifico di un Progetto di Ateneo dal titolo "Giovani e adulti nello spazio digitale: la variabile generazionale nell’uso dei media".
Dal 2007 al 2011 ho collaborato al Progetto di Ateneo "La scienza sullo schermo" (responsabile scientifico: prof. Neresini).
Dal 2010 al 2015 ho partecipato, a diverso titolo, al Progetto "Pluralismo socio-culturale e tutela dei minori", nell'ambito della Convenzione tra la Regione Veneto (Corecom) e l'Università di Padova (CIRN "Giorgio Lago").
Dal 2009 conduco un progetto personale dal titolo: "Comunicazione, immagine corporea e disturbi alimentari: gli spazi mediatizzati dell'anoressia e della bulimia".
Dal 2012 al 2015 ho partecipato al progetto di Ateneo "Literacy e new media: usi sociali delle nuove tecnologie da parte dei giovani" (Responsabile scientifico: prof. Stella);
Dal 2012 partecipo al progetto "Preparazione alla professionalità docente e innovazione didattica – PRODID" (Responsabile scientifico: prof. Felisatti);
Dal 2015 al 2016 sono stato responsabile del progetto "Internet e navigazione sicura", nell'ambito della Convenzione tra la Regione Veneto (Corecom) e l'Università di Padova (CIRN "Giorgio Lago").
Dal 2019 sono responsabile del progetto dipartimentali "Social media e politica locale".

Avvisi

A T T E N Z I O N E:
Fino a diverse indicazioni da parte dell'Ateneo, il ricevimento si terrà solo in modalità telematica.
Nel primo semestre 20/21, il ricevimento di terrà ogni giovedì dalle 9.30 alle 10.30 su Zoom (ID: 913 6727 3107) Controllate periodicamente questa pagina per eventuali modifiche d'orario, spostamenti o annullamenti.

Il ricevimento di giovedì 19 novembre inizierà alle 9 e terminerà alle 10 per impegni istituzionali.

Orari di ricevimento

  • Il Giovedi' dalle 9:30 alle 10:30
    presso piattaforma Zoom, ID: 913 6727 3107
    A T T E N Z I O N E: Fino a diverse indicazioni da parte dell'Ateneo, il ricevimento si terrà solo in modalità telematica. Nel primo semestre 20/21, il ricevimento di terrà ogni giovedì dalle 9.30 alle 10.30 su Zoom (ID: 913 6727 3107) Controllate periodicamente questa pagina per eventuali modifiche d'orario, spostamenti o annullamenti.

Pubblicazioni

- Degli Esposti P., Riva C., Setiffi F. (2019). Sociologia dei consumi. Utet, Torino.
- Da Re L., Riva C. (2018). “Favorire il successo accademico con il Tutorato Formativo. L’esperienza del Corso di Laurea in Scienze Sociologiche dell’Università di Padova”. Scuola Democratica. Learning for Democracy, 2/2018, pp.271-289.
- Stella R., Riva C., Scarcelli C.M., Drusian M. (2018), Sociologia dei new media, seconda edizione. Utet, Torino.
- Riva C. (2018). “Outlooks, gaps or boundaries. Adults' and young people's relationship with the media”, Interdisciplinary Journal of Family studies, vol.23, n.2, pp. 39-53.
- Pattaro C., Riva C., Tosolini C. (2017). Sguardi digitali: studenti, docenti e nuovi media. FrancoAngeli, Milano.
- Riva C., Marini F., Canton S. (2017). “L’uso dei social media per la promozione della salute: il progetto QWERT”. Salute e Società, 3, pp. 47-66.
- Scarcelli C.M., Riva C. (2016). "Digital Literacy Circulation: Adolescents and Flows of Knowledge about New Media". Tecnoscienza: Italian Journal of Science and Technology Studies, 7 (2), p. 81-101.
- Riva C., Tosolini C., Pattaro C. (2016). "Media(ting) Between Generations: Common Sense and Perceptions of New Media by Young People and Teachers". Italian Journal of Sociology of Education, vol. 8, p. 222-247
- Riva, C., Scarcelli, C.M. (a cura di) (2016), Giovani e media. Temi, prospettive, strumenti. McGraw-Hill Education, Milano.
- Riva, C., Cefalo, R. (2015). "Children and Adolescents in the Media: the Veneto Region Case Study". Italian Journal of Sociology of Education, 7(3), 267-293.
- Riva C., Bisello C., Port D. (2015), Il web e l'immagine pubblica del territorio, Charta-Bureau, Padova.
- Riva, C., Cefalo, R. (2014), "Media consumption and the processes of recognition among young people: The Twilight case". Italian Journal of Sociology of Education, 6(3), 104-129.
- Stella R., Riva C., Scarcelli C.M., Drusian M. (2014), Sociologia dei new media, Utet, Torino.
- Durante V., Riva C., Tuzzi A. (a cura di) (2013), Tra media e cittadini, Padova University Press, Padova.
- Riva C. (2012), Disturbi alimentari e immagine del corpo: la narrazione dei media, Guerini, Milano.
- Riva C. (2012). Corpi online: i nuovi media e i disturbi del comportamento alimentare. MINORI GIUSTIZIA, vol. 4, p. 86-93.
- Riva C., Zanconato M. (2012) “Ma tu non hai fame?” La piramide alimentare negli spot televisivi, Micro&Macro Marketing, n.3, pp. 479-495.
- Riva C., Drusian M. (a cura di) (2010) Bricoleur High Tech. I giovani e le nuove forme della comunicazione, Guerini, Milano.
- Riva C. (2008) “Le percezioni del rischio nello spazio discorsivo familiare”, in Stella R., Morcellini M. e Lalli P. (a cura di) Spazi comunicativi contemporanei, Editori Riuniti University Press, Roma
- Riva C. (a cura di) (2007) Infanzia e adolescenza secondo i media, Guerini, Milano.
- Riva C. (2005) Spazi di comunicazione e identità immigrata, FrancoAngeli, Milano.

Area di ricerca

I miei attuali e prevalenti interessi di ricerca riguardano la teoria dei media, la comunicazione politica, l’analisi dei pubblici, la comunicazione del turismo e il rapporto tra giovani e nuove tecnologie della comunicazione, con particolare riguardo ai processi di costruzione delle identità.

Tesi proposte

--> Avviso per le studentesse e gli studenti del Corso di laurea in Scienze sociologiche: accetto nuove tesi solo se si prevede che vengano discusse a partire dagli appelli di giugno/luglio 2021.
--> Cdl in Comunicazione: non accetto più nuove tesi;
--> Cdl in Progettazione e gestione del turismo culturale: accetto tesi solo dopo la conclusione del corso di quest'anno.

Le tesi assegnate riguardano prevalentemente la Sociologia dei media, nuovi e tradizionali.
Più in particolare:
- social media e comunicazione politica
- gli eventi mediali: Tokyo 2020
- la comunicazione del territorio e dei turismi
- la costruzione mediale della morte
- media e migrazioni
- le forme della cultura giovanile (strumenti, prodotti e fruitori)
- audience studies, user studies e processi di ricezione
- media e minori: la comunicazione dell'infanzia e dell'adolescenza
- media, cibo, alimentazione, disturbi alimentari etc.
- media education, media literacy, tecnologie e didattica



NB:
"In una società ricca, la gente non è costretta a lavorare manualmente e si dedica all’attività intellettuale. Aumentano le università e aumentano gli studenti. Per potersi laureare, bisogna trovare argomenti per le tesi di laurea. Gli argomenti sono una quantità infinita perché è possibile scrivere tesi su ogni cosa al mondo. Risme su risme di fogli scritti si accumulano negli archivi, che sono più tristi dei cimiteri, perché non ci entra nessuno nemmeno il giorno dei morti. La cultura scompare nell’abbondanza della sovrapproduzione, nella valanga dei segni, nella follia della quantità. Ecco perché ti dico che un libro vietato nel tuo vecchio paese significa infinitamente di più dei miliardi di parole vomitati dalle nostre università."
(M. Kundera, L’insostenibile leggerezza dell’essere)