Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Professore Ordinario

Indirizzo

VIA F. MARZOLO, 1 - PADOVA

Telefono

0498275229

Vito Di Noto è Professore Ordinario di Elettrochimica per l'Energia e Chimica dello Stato Solido presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale (DII) dell'Università di Padova (UNIPD), Italia. È “Fellow of The Electrochemical Society”, “Japan Society for the Promotion of Science Fellow” ed è Presidente della Divisione Elettrochimica della Società Chimica Italiana.

È il Direttore della Sezione di Chimica per le Tecnologie del DII, nonché fondatore e responsabile del gruppo “Chimica dei materiali per la metamorfosi e l'immagazzinamento dell'energia – CheMaMSE” ( http://wwwdisc.chimica .unipd.it/lab_DiNoto/ ). Recentemente è stato classificato tra i primi 2% degli scienziati al mondo secondo l'analisi dell'Università di Stanford.

Vito Di Noto è un elettrochimico con più di 30 anni di esperienza nell’attività di ricerca e sviluppo di materiali funzionali avanzati per dispositivi di conversione e stoccaggio elettrochimico dell’energia. Alla fine degli anni '90 ha aperto la strada alle batterie secondarie agli ioni di magnesio e ha ideato approcci innovativi per la sintesi di elettroliti e materiali elettrodici per applicazioni in: (i) batterie secondarie; (ii) celle a combustibile operanti a basse temperature (ad esempio, celle a combustibile con membrana a scambio protonico, PEMFC); e (iii) batterie redox a flusso. Ha anche fornito contributi fondamentali alla comprensione dei meccanismi di conduzione ionica nelle fasi condensate. I risultati della sua attività di ricerca sono stati alla base di numerosi processi di trasferimento tecnologico e hanno portato a numerosi brevetti nazionali e internazionali ceduti a società private.

PARTECIPAZIONE A COMMISSIONI
Il Prof. Di Noto rappresenta UNIPD in diversi organismi dell'UE, tra cui:
· i programmi di ricerca su: (i) celle a combustibile e tecnologie dell'idrogeno (FCs&H2); e (ii) stoccaggio elettrochimico di energia dell'Alleanza europea per la ricerca sull'energia (EERA),
· La Batteries Europe Partnership Association (BEPA);
· Battery Europe.

Il Prof. Di Noto fa parte della governance dell’Electrochemical Society (ECS), in particolare nella Divisione “Tecnologie Energetiche” e nella Divisione “Elettrochimica Fisica e Analitica”.

Il Prof. Di Noto fa parte del “Comitato Tecnico Strategico” costituito da Veneto Sviluppo S.p.A. e Regione Veneto.

RESPONSABILITA' IN CONFERENZE INTERNAZIONALI
E' stato Conference Chairman di:
· “21st International Conference on Solid State Ionics – SSI-21”, Padova, Italia, 18-23 giugno 2017, più di 1400 partecipanti;
· “7th German-Italian-Japanese meeting of Electrochemists – 7th GIJME”, Padova, Italia, 14-16 giugno 2014, più di 100 partecipanti;
· “12th International Symposium on Polymer Electrolytes – ISPE-12”, Padova, Italia, 29 agosto – 3 settembre 2010, più di 280 partecipanti.

RISULTATI SCIENTIFICI
a) 311 articoli pubblicati: 261 sono articoli peer-reviewed (ISI+SCOPUS), 10 sono capitoli di libri, 30 brevetti (13 internazionali e 17 nazionali, 13 sono stati venduti) e 10 sono articoli su atti di congresso.
b) I contributi a congresso sono 296, di cui:
i. 199 sono presentazioni orali in simposi internazionali, tra cui 83 sono a invito: 60 Invited, 16 Keynotes e 8 Plenary Lectures;
ii. 24 sono presentazioni orali a convegni nazionali, di cui 4 ad invito.
c) Luglio 2021: h-index = 48 (Google Scholar), più di 7720 citazioni. h-index = 45 (Scopus), più di 6220 citazioni. h-index = 43 (ISI), più di 6000 citazioni.

Avvisi

Orari di ricevimento

  • su appuntamento da decidere per e-mail scrivendo a: vito.dinoto@unipd.it

Insegnamenti

Area di ricerca

The research activity of Prof. Di Noto’s group is focused on the preparation and characterization of materials for application in the field of energy. The materials are used to assemble prototype devices which are extensively characterized under operative conditions.

The research work consists in a broad range of activities, including:
• Design of new materials starting from basic chemistry and physics concepts;
• Novel chemical synthesis and processing;
• Advanced materials characterization;
• Measurement of physical and chemical properties;
• Fabrication and evaluation of prototype devices;
• Development of a fundamental understanding of the structure-property-performance relationships of the materials.

In particular, most of the research efforts are devoted to the synthesis and the study of materials for:
• Primary and secondary batteries;
• Redox Flow battery;
• Fuel cells;
• Electrochemical supercapacitors;
• Field-effect transistors;
• Sensors;
• Actuators;
• Photo-electrochemical devices.

Some of the current research activities are briefly outlined below; the publications report the details, and can be found in http://www.chimica.unipd.it/lab_DiNoto/research.html

Tesi proposte

Le tesi di laurea proposte si inquadrano nelle attività del gruppo di ricerca che dirigo, “Chemistry of Materials for the Metamorphosis and the Storage of Energy – CheMaMSE”, URL: http://www.chimica.unipd.it/lab_DiNoto/

Le tesi di laurea hanno come tema generale lo sviluppo di dispositivi di conversione e stoccaggio elettrochimico di energia quali batterie ricaricabili al litio ed al magnesio, celle a combustibile e batterie aperte a flusso.

In generale, i dispositivi di conversione e stoccaggio elettrochimico di energia (dispositivi EECS) sono caratterizzati da un’efficienza molto elevata (60% o più), molto superiore rispetto a quella di tecnologie tradizionali quali i motori a combustione interna (in questo caso, le efficienze sono pari a circa il 25-30%). I dispositivi EECS sono impiegati in innumerevoli campi: forniscono energia per l’elettronica portatile, giocano un ruolo chiave nel moderno sviluppo della mobilità elettrica, e sono anche molto promettenti per utilizzi in reti elettriche di ultima generazione. In quest’ultimo campo i dispositivi EECS consentono di utilizzare in modo efficiente le fonti rinnovabili intermittenti (ad esempio, il sole ed il vento). Infatti, l’utilizzo di dispositivi EECS consente di immagazzinare l’energia prodotta quando la fonte rinnovabile è disponibile, per poi utilizzarla al momento del bisogno. Ad esempio, un dispositivo EECS consente di “mettere da parte” l’energia prodotta di giorno mediante pannelli fotovoltaici, per poi utilizzarla di notte.

La ricerca nel campo dei dispositivi EECS è molto attiva ed attira enormi investimenti, che a livello mondiale si quantificano in molti miliardi di dollari l’anno. L’utilizzo dei dispositivi EECS gioca già oggi un ruolo fondamentale nella ristrutturazione del sistema energetico mondiale, e sta dando importantissimi contributi nell’abbattimento delle emissioni di gas-serra quali l’anidride carbonica.

L’attività di ricerca condotta nel gruppo “CheMaMSE” si focalizza soprattutto nei seguenti dispositivi EECS:

• Batterie ricaricabili a base di litio e magnesio;
• Celle a combustibile a membrana polimerica;
• Batterie aperte a flusso, sia a base di vanadio che operanti con chimiche innovative.

Nel gruppo “CheMaMSE” vengono prese in considerazioni le seguenti fasi della filiera del valore:
• Preparazione dei materiali funzionali impiegati nei dispositivi EECS;
• Studio dettagliato dei materiali funzionali;
• Fabbricazione di prototipi di dispositivi EECS;
• Test di prototipi di dispositivi EECS, che vengono studiati dal punto di vista delle prestazioni e della durabilità nel tempo.

Le tesi di laurea proposte saranno di natura sperimentale, e tratteranno i seguenti ambiti specifici:
• Sviluppo di materiali elettrodici ed elettrolitici per batterie ricaricabili al litio o al magnesio;
• Sviluppo di materiali funzionali per celle a combustibile comprendenti una bassa quantità di elementi “strategici” (quali il platino ed altri metalli preziosi);
• Sviluppo di elettroliti e coppie redox per batterie aperte a flusso con chimiche innovative.

Il docente può essere contattato per chiarimenti al seguente indirizzo E-mail: vito.dinoto@unipd.it