Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

STUDIOSO SENIOR

Struttura

Indirizzo

Telefono

Maturità classica nel 1967, Laurea in Scienze Biologiche presso l'Università di Padova (a.a. 1971/72). Nel 1974 ha iniziato la sua attività di ricerca e didattica presso l'Università di Padova, come contrattista, poi come ricercatore ed, infine, dal 1° novembre 1992 in qualità di Professore Associato, di Zoologia (BIO/05). Sin dal 1974 la sua attività didattica ha riguardato la Zoologia dei Metazoi Invertebrati e la Protozoologia; Morfologia e Fisiologia dei Metazoi; Organismi modello in Biologia. L'attività di ricerca della Prof. O. Coppellotti ha riguardato in buona parte temi della biologia di Protozoi. 1) Movimento e riserve energetiche in Flagellati e Ciliati. 2) Tolleranza a metalli pesanti, essenziali e non-essenziali, ed effetti indotti dai metalli nei Protozoi e nei Molluschi, quali la produzione di molecole chelanti e le alterazioni ultrastrutturali. 3) Morfologia e tassonomia di Protozoi Ciliati, viventi in acque marine di differenti aree geografiche (antartiche, sub-antartiche e temperate, tra cui la Laguna di Venezia) e nell'ambiente sotterraneo. 4) Ruolo dei Ciliati quali bioindicatori della qualità di ambienti acquatici. 5) Adattamento enzimatico alle basse temperature. 6) Sensibilità ai metalli pesanti negli organismi viventi in acque carsiche (Ciliati, Anfipodi). 7) Identificazione e classificazione di microrganismi fossili nell'ambra del Triassico. 8) Utilizzo della fotosensibilizzazione di batteri, protozoi e funghi patogeni mediante composti porfirinici per applicazioni ambientali e mediche. 9) Controllo di artropodi vettori di agenti patogeni mediante composti porfirinici fotosensibilizzati. Ha tenuto cicli di lezioni invitata dall'Università di Penza (Russia) e dall'Università di Sao Paulo (Brasile).
E' socia dell'International Society of Protistologists (ISOP)e della Società Italiana di Protistologia Onlus (SIP), International Photodynamic Association (IPA), della World Biodiversity Association Onlus. 80 pubblicazioni su riviste internazionali; 90 comunicazioni a congressi; numerosi capitoli ad invito su libri riguardanti la fotoinattivazione di microorganismi patogeni; 2 testi sulla Zoologia degli Invertebrati e sui Protozoi; edizione italiana di 4 testi di Zoologia.

Avvisi

Orari di ricevimento

  • Il Giovedi' dalle 11:00 alle 12:00
    presso Studio Prof. O. Coppellotti al VI piano Sud del Polo "A. Vallisneri"
  • Il Mercoledi' dalle 11:00 alle 12:00
    presso Studio Prof. O. Coppellotti al VI piano Sud del Polo "A. Vallisneri"
    La Prof. Coppellotti è, comunque, disponibile, quando possibile, a ricevere gli studenti in momenti differenti.

Area di ricerca

ATTIVITA’ DI RICERCA
L’attività di ricerca della Prof. Coppellotti è rivolta negli ultimi anni soprattutto allo studio della fotosensibilizzazione come strumento di inattivazione di organismi patogeni, quali protozoi e batteri parassiti. In particolare, i temi trattati sono:
1) fotosensibilizzazione di protozoi agenti patogeni di malattie trasmesse dall’acqua e da artropodi vettori;
2) sviluppo di formulati fotoattivabili a basso impatto ambientale nel controllo delle larve di artropodi vettori di malaria e di altre importanti malattie;
3) tecniche fotobiologiche per decontaminazione di acque da microorganismi patogeni;
4) Le ricerche si sono estese alle metodologie fotodinamiche da applicare alle terapie anti-cancro sia dal punto di vista di ricerca di base (relazione della struttura chimica degli agenti fotodinamici e loro localizzazione a livello cellulare e tissutale) e quello preclinico, come le proprietà farmacocinetiche di composti porfirinici e loro analoghi e correlazione tra la distribuzione in compartimenti differenti del tessuto neoplastico ed efficacia dell’azione fototerapeutica.
Altri interessi nell’attività scientifica della Prof. Coppellotti sono:
5) Identificazione e classificazione di microorganismi fossili nell’ambra del Triassico.
6) Studi biochimici e ultrastrutturali del movimento in Protozoi e sulle riserve energetiche per il movimento.
7) Tolleranza a metalli essenziali e non-essenziali e composti chelanti metalli indotti in Protozoi e Metazoi Invertebrati.
8) Studi morfologici e tassonomici di Ciliati provenienti da siti ambientali differenti di mare Antartico e acque dolci, Laguna di Venezia e acque sotterranee.
9)Ruolo dei Protozoi Ciliati come indicatori biologici della qualità di ambienti differenti. 10)Adattamento di Protozoi alle basse temperature.


RESEARCH INTERESTS

Research activity of Prof. O. Coppellotti is mainly devoted in the last few years to the use of photosensitization as a tool of inactivation of pathogenic organisms, such as parasitic bacteria and protozoa. In particular, the subjects are:
1) photosensitization of Protozoa causative agents of water- and vector-borne diseases by means of photosensitized processes with porphyrins and their analogues;
2) development of photoactivatable formulates of low environmental impact in the larval control of the malaria and other disease vectors;
3) photobiological techniques for water disinfection by pathogenic microorganisms.

4) Her research interests are extended to the photodynamic methodologies to be applied to anti-cancer therapy both from the base point of view and the pre-clinical one, such as the pharmacokinetic properties of porphyrins and their analogues and correlation between distribution in different compartments of neoplastic tissue and efficacy of phototherapeutic action.

Other interests in the scientific activity of Prof. Coppellotti are:
5) Identification and classification of fossil microorganisms in the Triassic amber.
6) Biochemical and ultrastructural studies of the movement in Protozoa and of the energetic reservoirs for the movement.
7) Tolerance to essential and non-essential heavy metals and metal binding-compounds induced in Protozoa and Invertebrates.
8) Morphological and taxonomic studies of Ciliates environmental sites (Antarctic sea, freshwaters,underground waters).
9) Role of Ciliates as biological indicators of the quality of environments.
10)Physiological adaptation of Protozoa to low temperatures.