Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Professori Associati

Indirizzo

VIA F. MARZOLO, 1 - PADOVA

Telefono

0498275219

Si è laureato in Chimica a Padova nel marzo 1993 con la votazione di 110/110 e lode, con una tesi dal titolo "Metodo di deconvoluzione di picchi cromatografici" (relatore: prof. G. Giorgio Bombi). Nel maggio 1998 ha ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Scienze Chimiche, con una tesi dal titolo "Formazione di complessi tra alluminio(III) e molecole di interesse ambientale, biologico e farmaceutico" (tutore: prof. G. Giorgio Bombi). Tra il 1998 e il 1999 ha lavorato presso il laboratorio del Consorzio Interuniversitario Nazionale "La chimica e l'ambiente" (I.N.C.A.) a Marghera (Ve), eseguendo analisi di microinquinanti organici clorurati. Nel maggio 2000 ha vinto la valutazione comparativa per un posto a ricercatore universitario, settore Chim/01, presso presso il Dipartimento di Scienze Chimiche dell’Università di Padova. Dal settembre 2003 è ricercatore confermato. Ha partecipato a numerosi congressi nazionali ed internazionali, dove ha presentato comunicazioni orali e a poster. È autore di 55 lavori su riviste internazionali con referee. Ha trascorso per molti anni dei periodi (un mese o una settimana) presso il Dipartimento di Chimica Inorganica ed Analitica dell’Università di Szeged (Ungheria), dove ha lavorato a progetti di ricerca comuni col prof. Tamas Kiss.

Avvisi

Per ulteriori informazioni si prega di consultare le pagine web:
http://www.chimica.unipd.it/valerio.dimarco
http://www.chimica.unipd.it/analitica

Orari di ricevimento

  • presso Dipartimento di Scienze Chimiche, via Marzolo 1, VII piano
    tutti i giorni

Area di ricerca

La ricerca prevalentemente svolta riguarda la formazione di complessi metallo-legante in soluzione nell'ambito degli agenti chelanti e/o dei radiofarmaci. Gli ioni metallici studiati sono alluminio(III), argento(I), cadmio(II), ferro(III), rame(II), stronzio(II), vanadio(IV), vanadio(V) e zinco(II). Tra i leganti, sono stati studiati gli acidi idrossipiridincarbossilici come promettenti agenti chelanti, e poi sono stati studiati acidi carbossilici, idrossiacidi, saccaridi, fosfonati, macrocicli e peptidi. Più recentemente, la ricerca sta riguardando anche l'analisi "omica" di campioni biologici per l'identificazione di marcatori di malattie.

Tesi proposte

Si veda la pagina
http://www.chimica.unipd.it/cgi-bin/search/search.pl?Terms=valerio+marco