Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Professori Associati

Indirizzo

VIA M. CESAROTTI, 10/12 - PADOVA

Telefono

0498274363

Matteo Bortolini (23/12/1971) è professore associato di Sociologia generale presso l’Università di Padova.

Laureato in Scienze politiche all’Università di Bologna (a.a. 1994/1995), ha conseguito il dottorato di ricerca in “Sociologia e politiche sociali” presso la stessa Università nell’a.a. 1999/2000, con una tesi dal titolo "Il governo della società civile. Una ricerca sociologica sull'esperimento della “Tavola delle donne“".

È stato con-direttore (2013-2015) della rivista "Sociologica"; attualmente è associate editor delle riviste "Serendipities" e "Civic Sociology". E' inoltre membro dell'editorial board della rivista "Comparative Sociology". E' stato membro del direttivo della sezione "History of Sociology" della American Sociological Association.

Ha insegnato nelle Università di Verona e Bologna ed è attualmente titolare degli insegnamenti di Sociologia e Social Dynamics in Local Development all'Università di Padova.

Durante l’a.a. 2000/2001 è stato Fulbright Fellow presso l’Institute for the Study of Economic Culture della Boston University (Massachussets, USA). E' stato Visiting fellow al Centre for Cultural Sociology, Yale University (settembre 2006), al Department of Sociology, University of California, Berkeley (luglio 2007; luglio-agosto 2016), e al Department of Sociology della Harvard University (marzo-maggio 2009; giugno-agosto 2013). Nell'estate del 2013 ha insegnato "Classical Social Theory" alla Summer Session della Harvard University; nell'estate 2016 ha insegnato "Sociology of Religion" alla University of California, Berkeley.

Nell'anno 2019 è stato Robert Bellah distinguished fellow al Max Weber Kolleg for Advanced Cultural and Social Studies della University of Erfurt.

Le aree in cui svolge la sua ricerca sono la sociologia delle idee e degli intellettuali, la storia della sociologia, la sociologia della religione, la filosofia politica e la teoria sociologica. Ha pubblicato "L'immunità necessaria. Talcott Parsons e la sociologia della modernità" (2005) e "L'intellettuale in campo" (2013). I suoi saggi sono stati pubblicati su "Theory & Society", "European Journal of Social Theory" , "The American Sociologist", "Sociologica", "Studi culturali", "Politica e Società", "Rassegna italiana di sociologia", e "The European Legacy".

I suoi ultimi volumi sono "Italian Sociology, 1945-2010. An Intellectual and Institutional Profile" (Palgrave Macmillan, 2017), scritto con il sociologo Andrea Cossu, e "The Anthem Companion to Robert N. Bellah" (a cura di, Anthem Press, 2019).

Il volume "One of the Inhabitants of the West. A Life of Robert N. Bellah" è di prossima uscita presso Princeton University Press.

Avvisi

ATTENZIONE:

Nel semestre primaverile marzo-giugno 2020, invito gli studenti a contattarmi per email per ogni possibile problema.

Pubblicazioni

Principali pubblicazioni

- “In the Field but not of the Field. Clifford Geertz, Robert Bellah, and Interdisciplinary Success”, with Andrea Cossu, forthcoming in European Journal of Social Theory, 2020
- "Italian Sociology 1945-2010. An Intellectual and Institutional Profile.". A. Cossu and M. Bortolini, Palgrave, 2017.
- “Found In Translation. Habermas and Anthropotechnics”, The European Legacy, 22, 5, 2017, pp. 583-599.
- “Explaining Modernity: Talcott Parsons’s Evolutionary Theory and Individualism,” in The Anthem Companion to Talcott Parsons, edited by J. Treviño, Anthem Press, Oxford, 2016, pp. 133-154.
- “Renouncing for dummies. Rottura assiale e forma di vita dell’intellettuale", Politica e società, 2, 2015, pp. 191-212.
- “«Sto come mi pare». De-fenomenologia di Massimo Rosati”, Scuola democratica, 2, 2015, pp. 377-385.
- “Two Men, Two Books, Many Disciplines. Robert N. Bellah, Clifford Geertz, and the Making of Iconic Cultural Objects”, with Andrea Cossu, in Sociological Amnesia: Cross-Currents in Disciplinary History, edited by A. Law and E. Royal Lybeck, Ashgate, Farnham, pp. 37-55, 2015.
- “Communitarians”, voce per International Encyclopedia of the Social and Behavioral Sciences, Second Edition, ed. by J. D. Wright, Oxford, Elsevier, 2015, vol. 4, pp. 317-321.
- “Blurring the Boundary Line. The Origins and Fate of Robert N. Bellah’s Symbolic Realism”, in C. Fleck and A. Hess (eds.), Knowledge for Whom? Public Sociology in the Making, Ashgate, Farnham, 2014, pp. 205-227.
- “L’habitus e il suo individuo. Teoria disposizionale dell’azione e virtù dell’in-tellettuale”, in Rassegna italiana di sociologia, 55, 1, 2014, pp. 21-40.
- L’intellettuale in campo. Il caso di Robert N. Bellah, Armando Editore, Roma, 2013.
- “Storie, religioni e capi sanguinari. Riflessioni sull’opus magnum di Robert N. Bellah”, in Fenomenologia e società, 36, 2, 2013.
- “The Spider and the Fly. Authenticity, Dualism, and the Rolling Stones”, con Andrea Cossu, in H. Staubmann (ed.), The Rolling Stones. Sociological Perspectives. Lanham MD, Lexington Books, 2013, pp 21-39.
- “Gli indifferenti. I sociologi, Pier Paolo Pasolini, e la modernizzazione dell'Italia”, in Studi culturali, 9, 3, 2012, pp. 345-370.
- “The Trap of Intellectual Success. Robert N. Bellah, the American Civil Religion Debate, and the Sociology of Knowledge”, in Theory & Society, 41, 2, 2012, pp. 187-210.
- “The “Bellah Affair” at Princeton. Scholarly Excellence and Academic Freedom in America in the 1970s”, in The American Sociologist, 42, 1, 2011, pp. 3-33.
- “Before Civil Religion. On Robert N. Bellah’s Forgotten Encounters with America, 1955-1965”, in Sociologica 4, 3, 2010, 33 pp.
- “Introduction to ‘Heritage and Choice in American Religion’: An Unpublished Essay by Robert N. Bellah,” in Sociologica 4, 3, 2010, 6 pp.
- “Analytical Sociology and Its Discontents”, in European Journal of Social Theory, 10, 1, 2007, pp. 153-172.
- “In ordine sparso. Avvertimenti e ipotesi sul non sapere della sociologia”, in Sociologica, 1, 1, 2007, 13 pp.
- “La macchina dell’immunità. Esercizio di semantica storica a proposito di un possibile fondamento dello Stato”, in A. Cevolini (a cura di), Potere e modernità. Stato, Diritto, Costituzione, FrancoAngeli, Milano, 2007, pp. 131-159.
- L’immunità necessaria. Talcott Parsons e la sociologia della modernità, Meltemi Editore, Roma, 2005.

Area di ricerca

Sociologia delle idee e degli intellettuali; storia delle scienze sociali in Italia e in America; sociologia della religione; sociologia del successo e della celebrità; teoria sociale e politica

Tesi proposte

Requisiti fondamentali per poter fare la tesi con me sono:
- aver dimostrato un forte interesse per le discipline che insegno (tradotto = aver già superato il mio esame con un buon voto)
- essere pront* a leggere tanto, anche in inglese
- rispettare seriamente le regole che stabiliremo

Di seguito sono elencati alcuni temi e oggetti diversi su cui mi piacerebbe seguire tesi in questo periodo.
TUTTI i temi prevedono l'utilizzo di testi in inglese:

- Gli intellettuali
- Teorie della reputazione
- Celebrità e successo
- Stereotipizzazione delle elite
- Storia della sociologia italiana dagli anni 1940s agli anni 1980s
- Vite religiose estreme: mistici e asceti

Sociologi italiani: Alessandro Pizzorno, Franco Ferrarotti, Filippo Barbano, Achille Ardigò, Luciano Gallino, Gian Antonio Gilli, Achille Loria, Filippo Carli, Corrado Gini.

Autori classici: Hannah Arendt, Talcott Parsons, C. Wright Mills, George C. Homans, Eric Voegelin, Alvin W. Gouldner, David Riesman.

Sociologi contemporanei: Robert Bellah, Pierre Bourdieu, Randall Collins, Clifford Geertz, Michel Foucault, Jürgen Habermas, Niklas Luhmann, Reinhard Bendix, Jon Elster, Anthony Giddens, Jeffrey C. Alexander, Ralf Dahrendorf, Cornelius Castoriadis, Erving Goffman, Harold Garfinkel, Norbert Elias, Shmuel Eisenstadt, Mary Douglas, Victor Turner, Margaret Archer.

Artisti: David Bowie, Pier Paolo Pasolini, Beatles, Rolling Stones, John Lennon, Paul McCartney, Pablo Picasso, Led Zeppelin, Mogol, Lucio Battisti, Jackson Pollock, Mark Rothko, Bob Dylan, Dik Dik, Equipe 84, Maurizio Vandelli, Piero Focaccia, Edoardo Vianello.