Prorettrice alla formazione post lauream

Riunisce in un unico coordinamento tutte le iniziative formative post lauream: dottorato di ricerca, scuole di specialità, master, corsi di perfezionamento, formazione permanente.

Incarico conferito con decreto del rettore n. 3295 del 26 settembre 2019

Attività svolte

Patrizia Burra 

prorettore Patrizia Burra

 

Professoressa ordinaria

Dipartimento di Scienze chirurgiche oncologiche e gastroenterologiche

burra@unipd.it

 

 

 Nata a Cividale del Friuli (Udine) il 14 maggio 1958.

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova nel 1984, prosegue la sua formazione attraverso la specializzazione in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva. Tra il 1988 ed il 1991 frequenta la Liver Unit del Queen Elizabeth Hospital di Birmingham (UK). Nel 1993 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Epatologiche. Dopo il conseguimento del titolo viene assunta dall’Azienda Ospedaliera di Padova come assistente di Gastroenterologia e nel 1997 come Dirigente Medico di I livello. È Ricercatore Universitario di Gastroenterologia dal 2001. Nominata nel 2004 responsabile scientifico del Centro Regionale Specializzato di Terapia Cellulare delle Malattie Metaboliche della Regione Veneto. Dal 2009 è Direttore dell’UOSD “Trapianto Multiviscerale” dell’Azienda Ospedaliera di Padova. Professore Associato di Gastroenterologia dal 2014. Prorettore alla Formazione Post Lauream dell'Università di Padova dal 2015.

Attualmente è Vicepresidente della Società Italiana di Gastroenterologia (SIGE), Vicepresidente del North Italian Transplant (NIT), Past Presidente dell’International Liver Transplantation Society (ILTS), di cui prima era stata Presidente e Tesoriere. È inoltre presidente onorario dell’European Board Transplant Medicine e Coordinatore della Commissione Permanente Trapianti dell’Associazione Italiana Studio Fegato (AISF). È Presidente della Fondazione ONLUS Marina Minnaja per la Ricerca e lo Studio nel Trapianto di Fegato. Nel 2016 ha aderito al progetto “100 donne contro gli stereotipi”.

Dal 2009 è Associate Editor di Transplant International, dal 2016 di Digestive and Liver Disease, dal 2017 Special Section Editor diJournal of Hepatology e dal 2018 è co-chair della Commissione Lancet–EASL (European Association for the Study of Liver) sulle malattie epatiche.

In qualità di medico si occupa principalmente di complicanze della cirrosi epatica, epatopatia alcolica, malattie dismetaboliche e trapianto di fegato. Ha svolto inoltre ricerca di base sulle cellule staminali dal cordone ombelicale e il loro differenziamento in epatociti.

È autrice di oltre 300 pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali, con oltre 9000 citazioni e un H-Index di 51. 

Pubblicazioni