Mobilità sostenibile

L’Università di Padova, in stretta collaborazione con i comuni nei quali ha sede e le società di trasporti, promuove la mobilità sostenibile e inclusiva attraverso campagne di sensibilizzazione e azioni concrete volte a mappare le abitudini della comunità universitaria, incentivare la scelta di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale e studiare soluzioni innovative in sinergia con le imprese e con il territorio.

Di seguito le azioni e gli impegni che l'Università di Padova porta avanti per promuovere modalità di trasporto sostenibili e inclusive.

Gli impegni per il quinquennio 2018-2022 

Gli obiettivi di seguito elencati sono parte integrante della Carta degli impegni sostenibilità 2018-2022

  • Spostamenti casa-università di dipendenti, studentesse e studenti: analisi dei dati raccolti tramite il questionario e redazione del PSCL - Piano degli Spostamenti Casa Lavoro da promuovere con il Comune e con APS.
  • Promozione della ciclabilità e dei mezzi di trasporto a minor impatto ambientale, in collaborazione con il Comune di Padova.
  • Implementazione di misure che favoriscano modalità di trasporto sostenibili ed inclusive per dipendenti, studentesse e studenti.
  • Mappatura aggiornata delle barriere architettoniche e azione sulle priorità d’intervento individuate.
  • Incremento del telelavoro e avvio dello smart working, promozione dell’utilizzo di audio e videoconferenze al fine di ridurre gli spostamenti.
  • Creazione di un “Joint Laboratory” università-imprese per lo sviluppo di un distretto sulla mobilità elettrica: sviluppo di un nuovo distretto produttivo con competenze universitarie e aziende del territorio.

Iniziative e azioni

  Come si muove la comunità universitaria

L'Ateneo ha condotto un'indagine sugli spostamenti casa-università, che ha coinvolto 2.000 dipendenti, tra docenti e personale tecnico amministrativo, e più di 13.000 studenti. La ricerca è finalizzata alla realizzazione di un progetto più ampio – il Piano degli spostamenti casa-lavoro (e casa-studio) – che prevede una serie di azioni coordinate sul tema della mobilità.

Informazioni

  Padova University Mobility Challenge

L’Ateneo e Unismart, in collaborazione con E.ON, hanno indetto un contest di idee aperto a tutta la comunità universitaria per progettare una nuova mobilità cittadina. La giuria ha scelto come vincitore il progetto UniOne, un’app che integra il car pooling e il bike sharing per offrire una mobilità conveniente e rispettosa dell’ambiente.

Informazioni

Leggi la notizia su il Bo Live

  Night Bus

Dal 19 gennaio 2019 è a disposizione di studentesse e studenti e della cittadinanza Night Bus, un servizio di Busitalia Veneto, finanziato da Comune e Università di Padova, che permette l’utilizzo del trasporto pubblico locale in orario notturno e in area urbana. Attraverso l’app dedicata Night Bus è possibile usufruire, a chiamata, del servizio, prenotando la propria corsa, dopo aver indicato le fermate di partenza e di arrivo, e pagando a bordo la tariffa di €1,50 a passeggero.

Informazioni.

  Abbonamento ai mezzi pubblici

L’Università favorisce l’accesso ai trasporti pubblici da parte dei dipendenti, in particolare con l’obiettivo di facilitare il quotidiano tragitto casa-lavoro. Il servizio è destinato al personale tecnico e amministrativo, ai collaboratori esperti linguistici (CEL), docenti, ricercatrici e ricercatori; il contratto può essere a tempo indeterminato o determinato, la cui durata copra però quella dell'abbonamento. Il servizio riguarda abbonamenti a:

  • BusItalia (trasporto urbano ed extraurbano)
  • Trenitalia
  • ACTV
  • MOM

L’Ateneo si impegna ad anticipare l’importo totale degli abbonamenti annuali richiesti dai dipendenti, in modo da consentire a ciascun richiedente di fruire della riduzione prevista sull’abbonamento annuale (corrispondente a circa due mensilità), senza dover sostenere l’investimento iniziale. L’importo viene infatti recuperato con trattenute mensili dallo stipendio.

Informazioni

  Accordo welfare 2018 - abbonamenti a trasporti pubblici

Il nuovo CCNL 2016-2018, sottoscritto nei primi mesi dell'anno 2018, ha previsto che l'utilizzo dei fondi per il welfare di Ateneo sia oggetto di Contrattazione integrativa. L'articolo 67 del nuovo CCNL ha inoltre previsto che, a decorrere dall'entrata in vigore del contratto (24 aprile 2018), le risorse dedicabili al welfare "sono sostenute mediante utilizzo delle disponibilità già previste, per le medesime finalità, da precedenti norme di legge o di contratto collettivo nazionale, nonché, per la parte non coperta da tali risorse, mediante utilizzo di quota parte dei fondi di cui agli artt. 63 e 65" (Fondo BCD e fondo EP - ndr). 

Prima dell'entrata in vigore del nuovo CCNL, nella consapevolezza che poi non sarebbe più stato possibile, la Parte Pubblica ha proposto di aumentare definitivamente le risorse dedicate al welfare stabilizzando e rendendo definitivo l'investimento "una tantum" di 1 milione di euro già deliberato dal CdA, dei quali 700 mila euro da dedicarsi alla stipula di una polizza sanitaria di ateneo e 300 mila euro da dedicarsi ad ulteriori strumenti di welfare da decidersi in sede di contrattazione integrativa.

Questa proposta è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione, sulla base di un accordo stipulato il 19 marzo 2018 tra la Parte Pubblica e le RSU, le OO.SS. CGIL, CISL, UIL, SNALS CONFSAL. Tutte le risorse devono trovare una finalizzazione entro l'anno 2018 dal momento che la norma prevede che le risorse debbano essere utilizzate ("sostenute mediante utilizzo delle disponibilità già previste"). Tali interventi si aggiungono a quelli già previsti dall'Ateneo in materia di sussidi al reddito, contributi per la frequenza delle istituzioni scolastiche, universitarie, assistenza psicologica etc, come evidenziato nel documento "Le politiche 2016-18 per il personale TA, in breve".

La gara per le polizze sanitarie, con la base d'asta di 700 mila euro annui, è stata da poco bandita.

Per i rimanenti 300 mila euro annui è stata perfezionata in data 21 dicembre 2018 la sottoscrizione dell'accordo sul welfare integrativo di Ateneo, che ha destinato la somma  al finanziamento della mobilità sostenibile, ad integrazione delle altre misure di welfare aziendale già attive.

L'accordo prevede il rimborso fino ad un massimo del 50% delle spese sostenute per l'acquisto di abbonamenti a mezzi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale utilizzati, anche cumulativamente, per il tragitto casa/lavoro.  
Saranno pertanto rimborsate il 50% delle spese relative:

  • agli abbonamenti acquistati entro il 31.12.2018, riferiti ad un periodo non superiore ai 12 mesi e comprendente almeno parte dell’anno 2018;
  • o in alternativa agli abbonamenti relativi all'anno 2019, se acquistati entro il 31/12/2018.Le modalità applicative del rimborso verranno comunicate in seguito dall'Ufficio Trattamenti Economici e Welfare.

L'accordo è consultabile al sito https://www.unipd.it/contrattazione-integrativa-anno-2018, e prevede, in misura minore, anche l'incentivazione della mobilità per il personale che non usufruisce di abbonamenti al servizio pubblico.


  Macchine self-service per l'emissione di biglietti ferroviari

L’Università di Padova, per l’attuazione dei propri fini istituzionali e per  valorizzare i rapporti di collaborazione con le realtà del territorio, promuove servizi agli studenti e al personale universitario. In questo contesto, l'Ateneo ha siglato con Trenitalia un accordo per il posizionamento di emettitrici self-service di biglietti ferroviari all'interno di spazi dell'Università.

In particolare, le emettitrici sono posizionate presso:

Le emettitrici self-service sono abilitate al rilascio di biglietti nazionali (frecce comprese), regionali e di abbonamenti. Danno inoltre informazioni sugli orari dei treni. Sono sempre attive, ma seguono i giorni e gli orari di apertura e chiusura delle strutture in cui sono posizionate.

Possono usufruire di questo servizio tutti gli studenti, il personale universitario e i numerosi ospiti che frequentano le sedi dell'Ateneo.

  Bike sharing Goodbike Padova

Goodbike Padova è il servizio di bike sharing che a Padova permette la distribuzione e utilizzo di biciclette pubbliche su tutto il territorio comunale della città di Padova. È composto da una rete di stazioni di ricovero dove prelevare e riconsegnare i mezzi. 200 biciclette tradizionali e 50 biciclette a pedalata assistita sono protagoniste di questa nuova modalità di spostamento urbano.

Un accordo prevede che personale, studenti e studentesse dell'Ateneo, tramite l’utilizzo della propria tessera multifunzionale (badge di Ateneo), possano accedere al servizio acquisendo il proprio abbonamento sul portale www.goodbikepadova.it con procedura on-line.

È previsto uno sconto di 5 euro sul costo dell’abbonamento annuo, che ammonta a 25 euro. Tale sconto, a scelta dell’utente, può essere utilizzato:
- all’atto della ricarica dell’abbonamento annuo: il costo dell’abbonamento risulterà essere pertanto di 20 euro;
- omaggio della copertura assicurativa RCT annuale il cui costo è di 5 euro; per avere diritto allo sconto o alla copertura assicurativa RCTgratuita, una volta registrato, l’utente dovrà selezionare la convenzione "Universitaà di Padova" e inserire i dati del proprio badge.
Verificati i dati il sistema indirizzerà alla fase di pagamento che può essere eseguita tramite carta di credito o bonifico bancario.

Mappe delle piste ciclabili

Ufficio Mobilità ciclabile del Comune
Tel. 049.8204883 (martedì e giovedì dalle 10.30 alle 13)
E-mail ufficio.biciclette@comune.padova.it

  Car sharing Padova

Car Sharing Padova è un servizio gestito da APS Holding, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni alla settimana, che mette a disposizione degli iscritti una flotta di veicoli pronti per l’uso ogni volta che se ne ha bisogno. Si paga solo l’utilizzo effettivo del veicolo. Studentesse e studenti e personale docente e tecnico amministrativo dell’Università di Padova hanno accesso a tariffe agevolate e sconti sugli abbonamenti.

Informazioni

  Telelavoro

Il telelavoro è una forma di flessibilità lavorativa che permette al dipendente di svolgere la propria mansione in un luogo diverso dalla sede di lavoro abituale, promossa allo scopo di conciliare le esigenze familiari e lavorative e di contenere gli spostamenti riducendo le emissioni.

Informazioni

  Accompagnamenti per persone con disabilità

Tra i supporti previsti dall’Ateneo per studentesse, studenti e dipendenti con disabilità è attivo un servizio di accompagnamento finalizzato a consentire a tutti il normale svolgimento delle attività di studio e lavoro.

Informazioni per studentesse e studenti

Informazioni per dipendenti

  Noleggio di veicoli ibridi

L’Amministrazione centrale, nell’ambito del rinnovamento del parco auto, ha intrapreso la strada del noleggio di veicoli ibridi. Una scelta che consente di ridurre l’impatto ambientale dell’Ateneo contenendo le emissioni e l’inquinamento acustico.

Altre informazioni utili

  Muoversi in bicicletta

Per chi sceglie di muoversi in bicicletta il Comune di Padova mette a disposizione una serie di servizi come la marcatura gratuita, parcheggio e noleggio nei pressi della stazione ferroviaria. È inoltre disponibile la mappa delle piste ciclabili cittadine.

Informazioni

  Muoversi con i mezzi pubblici

La rete del trasporto pubblico cittadino comprende tram, autobus urbani ed extraurbani. Per le persone con disabilità è previsto un servizio di trasporto urbano su prenotazione.

Informazioni