Rhynchophorus ferrugineus (Coleoptera Curculionidae)

Questa specie asiatica si è rapidamente diffusa prima nel Medio Oriente, poi in Egitto e nell'Europa Mediterranea a seguito del commercio delle palme ornamentali. In Italia la prima segnalazione risale al 2004, anno in cui è stato trovato in Toscana.

Descrizione e ciclo: Gli adulti di R. ferrugineus, di colore da ruggine a rosso bruno e lunghi mediamente 3,5 cm, sono attivi sia di giorno che di notte e sono capaci di grandi spostamenti in volo che consentono loro di invadere rapidamente nuove aree. Possono individuare le piante su cui ovideporre anche a una distanza di 900 m. L'ovideposizione avviene sulle parti più soffici delle palme, in corrispondenza di fori scavati dalle femmine col rostro, di gallerie preesistenti o di ferite sullo stipite, nonchè alla base deli peduncoli fogliari. Una femmina può deporre oltre 200 uova. Dopo la schiusa le larve iniziano a nutrirsi all'interno della pianta, in corrispondenza dei peduncoli fogliari e dello stipite. Nelle palme fino a 5 anni d'età le larve si trovano sia a livello del fusto che della chioma, mentre nelle palme più vecchie son generalmente confinate in corrispondenza delle parti in accrescimento. Nelle palme di età superiore a 15 anni le larve son presenti nella porzione dello stipite prossima alla chioma e in corrispondenza di quest'ultima. La larva si impupa nella pianta, entro un bozzolo di fibre di forma ovale, da cui fuoriescono gli adulti dopo una fase di maturazione sessuale. Lo sviluppo di una generazione in media dura un centinaio di giorni.

Piante ospiti: Palme (Areca catechu, Arenga pinnata, Borassus flabellifer, Calamus merillii, Caryota maxima, Caryota cumingii, Cocos lucifera, Corypha gebanga, Corypha elata, Elaeis guineensis, Livistona decipiens, Metroxylon sagu, Oreodoxa regia, Phoenix canariensis, Phoenix dactylifera, Phoenix theophrasti, Phoenix sylvestris, Sabal umbraculifera, Trachycarpus fortunei e Washingtonia spp.).

Danni: La specie attacca le parti in accrescimento della pianta, portando questa alla morte. In ambito mediterrano la specie pertanto produce seri danni sia alle colture di palme, sia alle piante ornamentali in ambito urbano che, rese instabili, costituiscono un potenziale pericolo per le persone.

Controllo: La presenza della specie è difficile da rilevare durante le prime fasi di attacco e in genere viene individuata solo dopo che la pianta ospite ha subito danni seri. Tuttavia l'osservazione attenta di fori a livello di stipite e chioma da cui fuoriesce rosura, nonchè l'individuazione dei rumori prodotti dalle larve all'interno del tronco (udibili poggiando l'orecchio al fusto) possono permettere di individuare un attacco in modo precoce. Esiste uno strumento che amplifica i suoni prodotti dalle larve, chiamato Davis Red Weevil Detector. Si tratta di un amplificatore di suoni a bassa frequenza. Le piante attaccate mostrano un aumento dal tasso di traspirazione e una diminizione del potenziale idrico, per cui l'esame di tali parametri può consentire di rilevare un attacco nelle fasi iniziali.

In genere il controllo tramite sostanze chimiche va effettuato mediante metodi preventivi: iniezioni al tronco con insettici sistemici, trattamento delle ferite con repellenti e trattamento delle chiome con polveri. Non risultano al momento invece noti nemici naturali in grado di influire significativamente sulle popolazioni di questo curculionide. Tra i metodi colturali, fondamentale è la distruzione del materiale vegetale infestato. Recentemente sono state introdotte trappole a feromoni che, miscelati ad esche alimentari, consentono buone catture di adulti.

si informa che la lotta all'introduzione e alla diffusione del Punteruolo delle Palme è regolamentata su tutto il territorio nazionale dal Decreto Ministeriale del 9 novembre 2007 - Disposizioni sulla lotta obbligatoria contro il punteruolo rosso della palma Rhynchophorus ferrugineus (Olivier). Recepimento decisione della Commissione 2007/365/CE. (Pubblicato sulla G.U. n. 37 del 13-2-2008).

Puoi trovare l'ultima versione di Adobe Acrobat Reader al sito dell'Adobe (http://www.adobe.com)

Links: per saperne di più (e poter vedere foto di questo insetto) visitare il seguente sito web:

http://www.cespevi.it/art/rhynco.htm

Punteruolo rosso delle palme