Servizio momentaneamente sospeso per manutenzione.

Rubrica

Personale Strutture

Qualifica

Altri

Struttura

Non assegnato

Indirizzo

Non assegnato

Telefono

Nota bio-bibliografica di Francesca Favaro



Francesca Favaro vive a lavora a Padova, sua città natale. Docente di ruolo di lettere al liceo, è dottore di ricerca in Filologia ed Ermeneutica italiana (2003); ha svolto inoltre attività di ricerca post-dottorato (2003-2005) presso il Dipartimento di Italianistica dell’Università degli Studi di Padova. Nel 2014 ha conseguito l’Abilitazione Scientifica Nazionale per il settore Scientifico Disciplinare 10/F1 (Letteratura italiana, Critica letteraria e Letterature Comparate). Svolge le sue ricerche principalmente a Padova. Ha partecipato per più di dieci anni all’attività Didattica offerta dal Dipartimento di Italianistica dell’Università degli Studi di Padova; ha collaborato, nell’ambito della didattica, anche con l’Università di Venezia, presso la quale è stata docente a contratto per il corso PAS di Didattica della letteratura e della linguistica italiana durante l’anno accademico 2014-2015.
Particolarmente interessata, come studiosa, al rapporto fra la letteratura italiana e le letterature classiche, ha pubblicato le monografie Alessandro Verri e l’antichità dissotterrata (Ravenna, Longo, 1998); Nel segno di Ovidio. Giovanni Boccaccio, Luca Pulci e Lorenzo il Magnifico autori di metamorfosi (Bari, Ladisa, 1999); Le rose còlte in Elicona. Studi sul classicismo di Vincenzo Monti (Ravenna, Longo, 2004); Canti e Cantori bucolici. Esempi di poesia a soggetto pastorale fra Seicento e Ottocento (Cosenza, Pellegrini, 2007). Del 2012 è il volume Costanza Monti, Perugia, ali&no editrice. Nel 2013 è uscita la sua edizione commentata della Feroniade di Vincenzo Monti (per Padova University Press); nel 2014 il volume “Una scrittura celeste”: avvicinamenti ad Anna Maria Ortese (Pescara, Edizioni Tracce). Del 2015 è il volume L’altra Musa. Storia (e storie) di Saffo tra Sette e Ottocento, a cura di Francesca Favaro e Salvatore Puggioni, prefazione di Lorenzo Braccesi, Padova, Cleup, 2015.
Le sue ultime pubblicazioni sono i volumi Anacreonte Leopardi e gli altri, con Premessa di Guido Baldassarri, Roma, «L’ERMA» di Bretschneider, Sui sentieri di Foscolo e Petrarca, Le Veglie Tauriliane dell’abate Giuseppe Barbieri, con prefazione di Fabio Finotti, postfazione di Giulio Osto, Roma, l’«Erma» di Bretschneider, 2018;Tra mito e storia antica, socialità e arte, esperienze di letteratura sette-ottocentesche in Italia. Dai fratelli Verri ai fratelli Pindemonte, da Isabella Teotochi Albrizzi ad Angela Veronese, Roma, Aracne, 2018. Nello specchio della letteratura, volti femminili. Volume primo: dal Cinquecento al primo Ottocento, Padova, Cleup. 2018.

Si è inoltre occupata, in vari saggi, di Winckelmann, di Cesarotti e della sua scuola, di Foscolo, di Angelica Palli, della fortuna di Saffo, in quanto poetessa e personaggio, fra Settecento e Ottocento, della fortuna di Anacreonte, e di alcuni autori del Novecento, tra cui, oltre ad Anna Maria Ortese, Antonio Fogazzaro e Paola Drigo. Attualmente, ha esteso il suo ambito di ricerca anche al Seicento.
Collabora con varie riviste letterarie.

Avvisi

Si comunica che il ricevimento del giorno 15 marzo sarà anticipato e si svolgerà dalle ore 14.00 alle ore 15.00.

Si conferma che la lezione prevista per il giorno 27 marzo, presso la sede di Via Venezia, 13, è sospesa in ragione della sessione di laurea.

Come già comunicato a lezione, s'informa che il ricevimento e la lezione del giorno 12 aprile sono sospesi in ragione di un precedente impegno della docente.

Per un impegno della docente, il ricevimento di venerdì 31 maggio è sospeso. Si pregano dunque gli studenti che avessero bisogno di un colloquio con la docente di contattarla via e-mail.

Il ricevimento di venerdì 21 giugno non si svolgerà per malattia della docente.

Per le settimane future, si pregano gli studenti che avessero bisogno di un colloquio di contattare la docente via email, così che si fissi un appuntamento.

Orari di ricevimento

  • Il ricevimento si svolgerà il venerdì, dalle ore 15.30 alle ore 16.30, presso la sala Pecoraro di Palazzo Maldura.

Area di ricerca

Letteratura italiana; letteratura italiana e letterature classiche.