CAM - Centro di Ateneo per i Musei

Museo di Storia della Fisica
     





Sfera armillare
Sfera armillare, XVI secolo (la base e l'orizzonte sono ottocenteschi). Si tratta di un modello rarissimo in quanto dotato di un meccanismo per dimostrare la trepidazione degli equinozi.


Dettaglio della sfera armillare
Dettaglio della sfera armillare


Orologio solare e lunare
Microscopio composto firmato "Eustacchio Divini in Roma 1672"



 

Collezione di strumenti del XVI e XVII secolo

Gli strumenti di matematica ed astronomia del XVI secolo, innanzitutto, rappresentano una preziosa testimonianza di quello che fu la scienza in Europa nel Rinascimento, basata sulla rinascita, già avviata da XII secolo, della matematica ed astronomia greche nonché sull'acquisizione di alcuni dei grandi progressi della scienza islamica.

Molti degli strumenti scientifici in uso nel XVI secolo furono ideati durante l'Antichità greca ed in seguito perfezionati dagli scienziati musulmani, mentre altri strumenti vennero inventati dagli stessi astronomi arabi, arrivando poi in Europa attraverso la Spagna islamica.

Fra gli strumenti del Rinascimento spiccano l'astrolabio - considerato
la regina, il gioiello, degli strumenti matematici di quel periodo per la sua raffinatezza e la sua antichissima origine - e la sfera armillare, che diventò addirittura in quegli anni il simbolo dell'astronomia, della scienza ed anche, più in generale, della conoscenza.

Vale la pena sottolineare la preziosità e la bellezza degli strumenti cinquecenteschi, che furono spesso sinonimi di potere. Attraverso gli strumenti, gli aristocratici patrocinavano le arti, mostravano la propria erudizione e rinforzavano il proprio prestigio.

Astrolabio
Astrolabio firmato "Renerus Arsenius Nepos Gemme Frisy Faciebat Louany 1566". Arsenius fu uno dei più importanti costruttori del Cinquecento, che lavorò anche per il re di Spagna Filippo II,
Orologio solare e lunare
Orologio solare e lunare, firmato "Philipp Pepfenhauzer in Augspurg", fine XVII secolo
Il Seicento, conosciuto come il periodo della cosiddetta Rivoluzione Scientifica, portò poi straordinarie innovazioni nella Scienza, tra cui l'invenzione di alcuni fondamentali strumenti quali il termometro, il telescopio, il microscopio, il barometro e la pompa pneumatica.

Oltre ad alcuni strumenti astronomici, matematici e da disegno, uno dei vanti della sezione seicentesca del Museo di Storia della Fisica è un rarissimo microscopio di Eustachio Divini, ottico romano che fornì strumenti ai maggiori scienziati dell'epoca.


Astrolabio
Orologio solare dittico di Norimberga, XVI secolo
Orologio solare e lunare
Compasso di proporzione firmato "Franciscus Fusarius faciebat 1638"



 
Centro di Ateneo per i Musei dell' Università degli Studi di Padova - Tutti i diritti riservati