Università e scuola

Università e scuola

Risvegli, la primavera scientifica all'Orto botanico

6 aprile 2018

La primavera è sinonimo di risveglio dal torpore invernale. I sensi si fanno più acuti, i colori più vivi e la natura sboccia in tutto il suo splendore. Non c’è a Padova luogo migliore dell’Orto botanico per incarnare lo spirito primaverile.

In quest’ottica non può che inserirsi al suo interno la rassegna Risvegli, organizzata dall’università di Padova e giunta, con un grande salto qualitativo, alla sua III edizione.

Dal 27 aprile al primo maggio l’Orto ospita quindi cinque giorni densi di incontri, concerti, conferenze, momenti di riflessione sul pianeta e sulla sua natura, aperti a tutta la cittadinanza, ai turisti e ovviamente a chi abita l’ateneo.

“Molti degli eventi in cartellone – spiega Annalisa Oboe, prorettrice alle relazione culturali, sociali e di genere dell’università di Padova – attirano l’attenzione su tematiche di impegno rispetto a problemi di ordine ecologico e animale”. Il mondo è il perno centrale attorno a cui ruotano gli eventi: “L’impronta – prosegue Oboe – quest’anno è planetaria. Il pianeta al centro di un intreccio tra animali, piante e noi che abitiamo questo ambiente”.

Storie di piante e di culture, di scoperte e viaggi, con parole e suoni da tutto il mondo: è questo, non a caso, il filo rosso che unisce tutte le esperienze della primavera scientifica in Orto. A dare il via alla rassegna lo spettacolo dei DeProducers, una band formata da quattro tra i migliori produttori italiani (Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Max Casacci e Riccardo Sinigallia) ed un frontman “anomalo”: lo scienziato Stefano Mancuso. Il collettivo porta in scena al Teatro MPX un viaggio tra mondi sonori connessi alla natura.

L’Auditorium dell’Orto botanico invece vedrà come protagonisti nomi noti della cultura italiana e della musica internazionale. Oltre a Il giro del mondo in 80 giorni, in scena sabato 28 aprile alle ore 21, l’Orto botanico domenica 29 aprile accoglierà l’Odissea, riscritta da Tonino Guerra e portata in scena dalla voce di Teresa Ludovico, direttrice del Teatro Kismet di Bari, con le musiche di Alessandro Pipino.

Lunedì 30 aprile infine, nell’ambito dell’edizione 2018 dell’International Jazz Day, salirà sul palco dell’Auditorium Bill Frisell, chitarrista e compositore statunitense.

Il programma di Risvegli 2018. Storie di piante e di culture, di scoperte e viaggi, con parole e suoni da tutto il mondo sarà arricchito anche da spettacoli teatrali, conferenze, laboratori e giochi per i più giovani.

Il tema delle conferenze è infine centrale per una delle missioni più care all’ateneo: “Rafforziamo – spiega la prefetta dell’Orto botanico Barbara Baldan – la missione della divulgazione scientifica rivolta a tutti con lo scopo di coinvolgere più persone possibile”

In occasione di Risvegli, inoltre, sarà possibile anche effettuare delle visite guidate all’Orto botanico, all’Erbario e alla Biblioteca. Le prenotazioni per gli spettacoli e gli eventi saranno aperte a partire dal 12 aprile. Per consultare il programma completo e conoscere i costi è possibile visitare il sito dell’Orto botanico.