Università e scuola

Università e scuola

Ranking QS: Unipd scala la classifica ed è nelle top 200

28 febbraio 2018

L’Università di Padova fa un notevole balzo in avanti in una delle classifiche internazionali più importanti, quella di QS, che ha appena pubblicato i suoi ranking “by subject”, cioè suddivisi per aree scientifiche.

Il miglioramento, rispetto all’edizione 2017, è evidente in tutte e cinque le macro aree prese in esame. L’ateneo patavino in "Arts & Humanities" passa da 182esimo al 142esimo posto; in "Engineering & Technlology" dal 170esimo al 128esimo; in "Life Sciences & Medicine” dal 156esimo al 131esimo; in “Natural Sciences” dal 102esimo al 95esimo; infine in “Social Sciences & Management” dal 229esimo al 169esimo posto.

La classifica viene elaborata tenendo conto della reputazione scientifica, del valore dei laureati (considerati dal punto di vista delle aziende) e della qualità e dell’impatto della produzione scientifica.

A livello complessivo, il risultato colloca, in tutte le cinque aree prese come riferimento, l’università di Padova nella top 200 degli atenei mondiali rispetto alle oltre 1.100 università considerate dai ranking di QS e le circa 18.000 istituzioni censite a livello globale.

L’ateneo di Padova si conferma una delle migliori università al mondo per l’area delle Scienze naturali (fisica, chimica, scienze della terra) e in netto miglioramento in tutti gli altri ambiti scientifici. Picchi di eccellenza si verificano per anatomia, farmacia e psicologia (area medica), archeologia (umanistica), ingegneria elettrica e civile (area delle ingegnerie e della tecnologia) e statistica (scienze sociali).

Soddisfazione viene espressa dal professor Giulio Vidotto, coordinatore della Commissione Ranking di ateneo: “Questi risultati – spiega Vidotto – sono incoraggianti perché premiano in chiave internazionale gli sforzi fatti dall’Università per migliorare in modo costante le proprie attività didattiche e scientifiche”. Un riscontro positivo che viene confermato anche dall’atteggiamento delle aziende rispetto ai laureati dell’ateneo: “Si consideri– conclude Vidotto – che tra gli indicatori che hanno fatto registrare gli aumenti più significativi vi è quello della reputazione dei datori di lavoro nei confronti dei laureati padovani”.