Eventi

Eventi

Pulse#246 | Lubomyr Melnyk

24 marzo 2017

ASU - Associazione Studenti Universitari presenta "Pulse - Musica di Confine" finanziata con il contributo dell’Ateneo - Legge n. 429/85

Erased Tapes / Sony Classical

 

Il pianista ucraino Lubomyr Melnyk è uno più grandi virtuosi dello strumento esistenti al mondo. Un’eccellenza non solo dal punto di vista tecnico o compositivo, ma anche nella devozione del suo approccio al pianoforte, che si è tradotto nella creazione di un nuovo linguaggio, unico e personale: la continuous music. Rapidissime onde di note in un flusso perpetuo, ai confini tra percezione melodica e viaggio che spalanca nuovi mondi alle orecchie e alla mente dell’ascoltatore.

Melnyk ha costantemente dimostrato un sincero spirito pionieristico, esplorando instancabilmente nuove modalità di composizione, concentrandosi tanto sullo strumento, quanto sulle armonie e sulle melodie. Grazie a schemi di note rapidi e complessi, dalla tecnica virtuosa di Lubomyr scaturiscono degli ipertoni che si fondono, si scontrano o addiruttura formano nuove melodie modellando la composizione oltre la sua forma originaria.

Malgrado i quasi quarant’anni di carriera alle spalle e il record raggiunto negli anni Ottanta per maggior numero di note suonate da una sola mano sia in un secondo che in un’ora, è solo nel 2012 che Melnyk si guadagna l’attenzione del pubblico internazionale con l’album “Windmills”. A esso seguono, tra le altre, tre release sulla Erased Tapes (tra cui “Corollaries” che vede la partecipazione di Nils Frahm e Peter Broderick) e un album sulla prestigiosa Sony Classical, “Illirion”, uscito l’anno scorso.


Dove: Sala dei Giganti - Piazza Capitaniato - Padova
Quando: 24 marzo  2016 
Approfondimenti
l'evento Facebook