Fotoracconto

Torna alla home

Kids University, i primi bambini "laureati" a Padova

Quasi tremila alunni e alunne di età compresa tra gli 8 e i 13 anni, più di 90 laboratori, circa 1.100 persone nei musei universitari, agli spettacoli pomeridiani e all’Orto botanico.

Sono i numeri della prima edizione di Kids University, iniziativa rivolta alle scuole e alle famiglie che ha avuto luogo all’università di Padova dal 10 al 15 ottobre 2016. Si tratta di un format didattico internazionale che l’Ateneo ha deciso di fare proprio allo scopo di aprirsi al territorio, di comunicare la scienza a tutti i livelli e di incrociare la curiosità di chi fa ricerca con la curiosità dei bambini e il loro atteggiamento aperto al mondo.

Foto di Massimo Pistore / Università di Padova

Testi di Monica Panetto

kids university blu
i laboratori kids university
  spettacoli kids university
cerimonia conclusiva
cerimonia finale kids university

 

Al mattino i ragazzi con gli insegnanti hanno partecipato alle lezioni tenute dai docenti nelle aule e nei laboratori universitari.

 

Guidati dai ricercatori, hanno condotto esperimenti di chimica e imparato come nascono le medicine; hanno appreso le tecniche di realizzazione del mosaico antico e scoperto i personaggi della mitologia classica.

 

E ancora, hanno parlato di teatro shakespeariano e di poesia, di alberi, foreste e missioni spaziali. Fino a discutere anche di filosofia e di diritto.

 

 

Alle lezioni sono seguite, di pomeriggio, iniziative culturali rivolte alle famiglie. I musei universitari hanno offerto un ricco programma di laboratori e visite guidate.

 

 

 


Non sono mancati gli spettacoli musicali e teatrali, che hanno visto tra gli altri la partecipazione della compagnia teatrale Le Nuvole (foto in alto a sinistra) e di Luca Perri, per concludere con la Kids Radio, laboratorio radiofonico curato da RadioBue, e i laboratori scientifici di Pleiadi.

 

 

Il momento conclusivo della settimana, che l’Ateneo ha organizzato in collaborazione con Pleiadi, è stata la cerimonia di premiazione in Aula magna.

 

Il rettore Rosario Rizzuto e Annalisa Oboe, prorettore alle Relazioni culturali, sociali e di genere, hanno consegnato i diplomi ai giovanissimi “laureati” che hanno chiuso la giornata con il lancio del tocco nel Cortile Antico di palazzo del Bo.

 

 

 

 

Torna ai fotoracconti