Dottorati in co-tutela

Cotutela di tesi

La cotutela di tesi consiste in una collaborazione tra due Università di due paesi diversi finalizzata alla realizzazione di un percorso formativo a favore di studenti iscritti presso dottorati di ricerca attivi nelle sedi partner. Tale collaborazione prevede che il dottorando svolga il suo lavoro di tesi presso le due sedi per periodi alterni preferibilmente di durata equivalente e comunque per un periodo minimo di sei mesi sotto la supervisione di due relatori, uno per ciascuna sede. Il percorso formativo si conclude con un esame unico a seguito del quale viene rilasciato un diploma (doppio o congiunto) riconosciuto in entrambi i paesi.

Requisiti e procedure

Alla base della cotutela c’è la stipula di un accordo quadro tra le Università e di una convenzione specifica (nominativa) per ogni dottorando che decide di intraprendere questo percorso.

Attualmente la CRUI ha firmato accordi quadro per la cotutela di tesi con Francia, Germania, Spagna e Svizzera. In caso di cotutela con Università appartenenti ad uno di questi Paesi è dunque necessaria solo la stipula della convenzione specifica (nominativa) del dottorando.

 Nel caso di cotutela con Università di altri Paesi sarà necessario stipulare un accordo quadro interuniversitario oltre alla convenzione specifica.

I requisiti per avviare la stipula delle convenzioni sono:

- iscrizione ad un dottorato presso l’Ateneo di Padova o presso un Ateneo straniero;

- accettazione da parte del supervisore della sede partner

- approvazione del competente organo della Scuola/Corso di dottorato dell’Ateno di Padova.

Documentazione

Accordi quadro stipulati dalla CRUI:

Accordo quadro CRUI-CPU (Italia-Francia)      

Accordo quadro CRUI-CRUE (Italia-Spagna)     

Accordo quadro CRUI-CRUS (Italia-Svizzera)

Accordo quadro CRUI-HRK (Italia–Germania)   

Finanziamenti

Per il periodo di soggiorno all’estero, i dottorandi che usufruiscono di borsa di studio possono richiedere la Maggiorazione della borsa di studio per soggiorno all’estero

Inoltre i dottorandi in cotutela di tesi con Università francesi o tedesche possono accedere ai finanziamenti dell’Università Italo – Francese (si segnala in particolare il Bando Vinci) e dell’Ateneo Italo-Tedesco.